“Da subito ho visto, nel fondo dei suoi occhi blu, il mare che aveva dentro senza saperlo. Mentre il nostro rapporto si approfondiva, scoprivo che avevo intuito quel guizzo celeste perché Valentina veniva dal mare: suo nonno Didi lo sondava mentre lei era in fasce e il suo primo bagno, a meno di tre anni, fu attorno a un San Germani. Didi, navigatore (e navigato), era un’ottimista di professione. Ancora a novant’anni, quando l’ho conosciuto, stupiva per la sua grinta intatta da ‘lupo’ d’affari e di mare. La stessa che rivedo in Valentina, che al pari di lui non accetta un ‘no’ come risposta ma è tenace, va a fondo delle cose senza riserve, con fiducia e positività quasi imperturbabili. E’ così come la vedi - trasparente  come l’acqua - accogliente, generosa di sentimenti. Vedo in lei quella parte capace di equilibrare il mio impeto talvolta troppo esuberante. Si potrebbe dire che è un po’ il mio grillo parlante. Da suo padre ha imparato la prudenza nell’affrontare le cose, modulata dalla filosofia di vita del nonno che in qualsiasi circostanza esclamava: ‘E’ un’avventura, è un’avventura!”. Valentina è così piena di voglia di esplorare e di esplorarsi, così appassionata…Per lei la vela è una sfida. Ha plasmato un progetto su misura per contribuire al miglioramento di consapevolezza, benessere e felicità. A bordo porta il suo sapere nel campo della Salute, come giornalista e facilitatrice a mediazione corporea. Un percorso che le ha permesso di acquisire una capacità d’ascolto più profonda, attraverso le sensazioni, oltre le parole. Ama avere a che fare con la verità delle persone, esprimerla e aiutare gli altri a farlo. Al servizio di metodi e tecniche innovative per una nuova consapevolezza, ha scelto di mettersi in gioco in prima persona per dimostrare che è possibile una vita impegnata ma a dimensione d’uomo. L’ho conosciuta che aveva un gran bisogno di guarnizioni (abbellimenti anche posticci dietro cui nascondersi), oggi ha trovato la propria autenticità, è più sicura di sé e pronta per un’avventura dove si va all’essenziale della vita”.
Fabio racconta Valentina