Dove si va - Corsica
ITINERARI IN TUTTA ITALIA su richiesta di gruppi di almeno cinque persone. Qui un esempio:

CORSICA

Il bisogno di varietà è uno dei bisogni fondamentali dell’uomo. La Corsica è una terra che può soddisfarlo completamente.
Da ogni prospettiva la si guardi, la sua costa non finisce di sorprendere e incantare nella sua diversità incalzante, che rincorreremo a vela. Abbiamo scelto la Corsica per la vostra vacanza, proponendo anche una soluzione da due settimane, perché è quello che è successo a noi la prima volta: ci siamo andati per sette giorni e poi era talmente bella che ci siamo rimasti un mese intero. Non ce ne siamo mai pentiti.

Itinerario Easy (1 settimana/ 7 gg-6 notti)

Imbarco (nel porto turistico di San Vincenzo o limitrofi) sabato pomeriggio. Programma:
Arrivo dell'equipaggio tra le 14 e le 16. Quando ci sono tutti, benvenuto e presentazioni. Si fa cassa comune. L'equipaggio decide insieme la cambusa (può aiutarsi con la lista sul nostro sito) e va al market a fare la spesa scelta di comune accordo per la settimana di vela. La collaborazione continua portando la spesa in barca e stivandola insieme. Ci si sistema nelle cuccette e ridendo e scherzando si entra in clima vacanza. Aperitivo/cena in porto a bordo o a terra, notte a bordo nella marina.

Domenica: mattina presto si parte per la veleggiata verso la Corsica e arrivo nel villaggio di Macinaggio, che deve il suo nome ai mulini a vento.
Lunedì- Giovedì
: guidati dalle necessità imposte da vento e mare e dalle voglie comuni del gruppo, girovaghiamo esplorando coi nostri tempi le bellezze del luogo, da Punta Mortella a Saleccia, Punta Pietra Alta, Saint-Florent, Centuri, Giraglia e luoghi splendidi e senza nome come una cala dall'eco incredibile scovata tra Centuri e Marina di Tollara...
Venerdì: Navighiamo di buona lena verso la base, magari con un bagno nel parco marino di Capraia
(Cala del Ceppo, Punta del Patello, Cala Rossa, Punta del Zenobito). Arrivo in porto e saluti.

ITINERARIO Easy long (2 settimane/14 gg-13 notti)

Imbarco (nel porto turistico di San Vincenzo o limitrofi) sabato pomeriggio. Programma:
Arrivo dell'equipaggio tra le 14 e le 16. Quando ci sono tutti, benvenuto e presentazioni. Si fa cassa comune. L'equipaggio decide insieme la cambusa (può aiutarsi con la lista sul nostro sito) e va al market a fare la spesa scelta di comune accordo per la settimana di vela. La collaborazione continua portando la spesa in barca e stivandola insieme. Ci si sistema nelle cuccette e ridendo e scherzando si entra in clima vacanza. Aperitivo/cena in porto a bordo o a terra, notte a bordo nella marina.

Domenica: veleggiata verso la Corsica e arrivo nel villaggio di Macinaggio, che deve il suo nome ai mulini a vento.
Lunedì: rotta verso la baia di Saint-Florent doppiando Capo Corso e veleggiando a fianco del Deserto des Agriates.
Martedì: Alla conquista del Golfo di Calvì, che ci godiamo tutta la giornata fino al tramonto in rada. Se si vuole, si scende a terra per gustare il fascino della cittadella by night.
Mercoledì: Golfo di Galerìa ed escursioni alla foce del fiume Crati.
Giovedì:  Golfo della Girolata ed escursione nella caratteristica Plage de Vignarella, dove possiamo rifornire la cambusa con prodotti artigianali tipici del luogo.
Venerdì: spettacolare giornata nel Golfo di Porto, tra le Calanche e la Riserva Naturale di Scandola.
Sabato:  nella Baia D’Elbo ci godiamo le spiagge di Bodri e Canalette. Ancoriamo poco a nord di Punta Nera.
Domenica: è la volta di Capo Cavallo e baia di Nichiareto
Lunedì: veleggiata a Punta Bianca, Punta Rossa, Punta Revellata e Punta Ostelluccia
Martedì: immersi nel nel Golfo della Revellata in puro relax
Mercoledì: sulla rotta del ritorno incontriamo Algajola, Ile Rousse e Torre Mortella per arrivare al tramonto alla spiaggia di Saleccia e passare la notte attorno a Punta di Malfalcu.
Giovedì: eccoci a Centuri, il villaggio famoso per i pescatori di aragoste.
Venerdì: Navighiamo di buona lena verso la base, non senza un bagno nel parco marino di Capraia. Arrivo in porto e saluti.

Ogni itinerario è da considerarsi di massima in quanto viene deciso dal gruppo insieme al comandante e in base alle condizioni meteo
.